STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
BELLA VACANZALa mia impiegataGiuseppina e il fratello khalidLe lenzuola nereUN VIAGGIO ....... ECCITANTEChe zoccola...Un regalo di compleanno particolare..mentre sto godendo
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Scopata nello spogliatoio
Scritta da: Allorbert (8)

Martedì di Giugno, vado in palestra alle due del pomeriggio, la sala attrezzi è deserta, Guglielmo, l’istruttore è alla sua postazione davanti al pc, lo saluto e vado a riscaldarmi sul tapirullan. Inizio a correre, ma sento dei rumori dalla saletta spinning, c’è qualcuno, di solito li ci sono belle fighe da vedere con pantajazz attilatissimi, che si dannano sulla ciclette, saltellando in modo ipnotico quasi come se stessero scopando.
Entro, c’è Ilenia, gran gnocca di 40 anni, amica di mia madre che ho conosciuto da poco, è una brunazza di carnagione molto scura, capelli lunghi mossi, un viso da troia che ha tante cavalcate da raccontare, due bocce favolose, una quinta tenuta in forma, e un culo da 10 e lode, da fottere a tutte le ore, grande e tondo.
Era li che saltellava tutta sudata sulla ciclette, le tettone bagnate luccicavano sotto i raggi del sole che filtrava dalle vetrate, indossava una canotta turchese piccola e scollatissima e un pantaloncino aderente grigio, la saluto “ciao” lei risponde “ciao bello”, mi posizione sulla ciclette dietro di lei e pedalo godendomi quel culone alto, il cazzo mi diventa subito duro.
Dopo qualche minuto si alza e si asciuga tutta con l’asciugamano e viene verso di me, io sorrido, lei si lega i capelli in una coda alta e si appoggia al mio manubrio tutta accaldata, allevia il caldo dandosi vento con le mani, è un pezzo d’acqua, suda da tutti i pori. Per scherzo stringe la manopola e rende più dura la mia pedalata e mi dice “pedala bello che sei giovane e forte” e così dicendo si dirige verso la pedana dello step e inizia a salire e scendere. Pochi minuti dopo si ferma e cerca di prendere i tappetini posizionati sopra degli scatoloni, si allunga, ma sembra proprio non arrivarci, mi chiama “Filippo vedi se ci arrivi tu?” lascio la pedalata e mi avvicino a lei, mi allungo anche io, non essendo molto più alta di lei, e scendo giù un tappetino “prendine uno anche tu” mi dice “facciamo gli esercizi insieme, ti metto sotto per bene” prendo il tappetino, anche un po’ scocciato, lei è una fanatica della ginnastica e da tutta se stessa negli esercizi, io ho bisogno dei miei tempi, ogni dieci minuti mi fermo per scambiare qualche cazzata con qualche amico, però per non dirle di no, prendo il tappetino e lo stendo a pochi centimetri dal suo.
Iniziamo con gli addominali, prima quelli alti, poi quelli bassi, dopo alcune serie da trenta lei si alza e si mette a cavalcioni su di me e dice “dai fammi vedere come tiri sto addome, voglio vedere se lavori bene” vederla li su di me mi fa un gran sangue, mi vien voglia di prenderla per i fianchi e farla cavalcare sulla mia asta, sento il cazzo in erezione, cerco di contenermi ma ho quelle tettone appese che si celano appena dietro la stoffa della canotta, sotto i pantaloncini l’erezione è evidente e per fortuna lei non è appoggiata su di me ma si mantiene sulle ginocchia, ma passa poco tempo e mi dice “bè dai mettiti a lavoro” e così dicendo si lasciò andare sul mio bacino e appena venuta a contatto con il mio pacco fece una faccia stupita spalancando la bocca e sgranando gli occhi “e cosa abbiamo qua” disse movendosi impercettibilmente sul mio membro “Ilè non so ti sei mai vista allo specchio” risposi io “non mi capita tutti i giorni di trovarmi una donna a cavallo del mio bacino” e lei sorridendo rispose “perché non hai mai avuto donne a cavalcarti su?” e io “ragazze si” e dopo una piccola pausa “ma donne no”. Iniziò a muoversi sempre più col bacino e continuò a domandarmi “e cosa ti aspetti da una donna come me?” “che sappia far godere un uomo” risposi zelante, lei sorrise e si abbandonò improvvisamente distendendosi supina sul mio corpo, mi ritrovai tra i suoi seni sudati con lei che strofinava la sua fregna sul mio cazzo, io leccavo e mordevo quelle tettone e abbassando una bretella della canotta succhiai il capezzolo duro e scuro. Ormai saltellava sul mio pene dando sempre più forti botte di bacino, con una mano si intrufolò nei pantaloncini per stringere tra le sue mani il mio cazzo duro e pulsante, lo iniziò a segare, mentre io feci scivolare una mano nei suoi pantaloncini aderenti stringendoli il suo culo carnoso, fino ad arrivare alla fregna, era completamente bagnata, appena sentì le mie dita si contorse come un serpente e mi disse “voglio scopare, voglio essere scopata” io abbassai l’altra bretella e feci sbalzare fuori entrambi i seni leccandoli avidamente e lei con voce affannosa disse “non qui non qui, andiamo negli spogliatoi, prima delle quattro non verrà nessuno” si alzò e si ricompose subito, si dette una sistemata e disse “io mi avvio, tu esci tra due minuti” e così fece, io aspettai e uscii dalla sala, Guglielmo di testa nel pc forse neanche si era accorto del nostro passaggio.
Arrivai alla porta dello spogliatoio femminile, aprii ed entrai, me la ritrovai davanti come una dea, una bonazza mai vista prima, perfetta in ogni forma, era nuda con solo il tanga addosso, era scalza e si manteneva sulle punte, come una pantera pronta ad assalire la sua preda, ma mi gettai prima io su di lei, la sbattei al muro e mi fiondai sulle sue tette, grandi e sode, le potevo leccare in ogni punto, sentivo le sue mani tra i miei capelli e le sue cosce che strofinavano sulle mie. Le palpavo il culo, le infilai due dita nella bocca e lei le leccò per bene, le uscii e le infilai nella fica scostandole il tanga, poi infilai il terzo dito per poi spalmare i suoi umori su tutto il suo culo.
Dopo poco lei si liberò dalla mia presa e mi spinse sulla panca, mi spogliò velocemente e si ritrovò la mia asta in tiro pronta a essere usata, la troia si accovacciò e iniziò a passare la lingua lungo tutto il cazzo fino a roteare sulla cappella per poi scendere fino alle palle, poi ci sputò sopra più volte e iniziò una spagnola stupenda guardandomi fisso negli occhi “allora ti fa godere la tua donna?” “io risposi “oh si, sei una vera troia” lei continuando freneticamente a segarmi il cazzo con le tettone disse “alle donne piace fare le troie, siamo tutte delle vacche golose di cazzo, basta trovarci al punto giusto” era musica per le mie orecchie.
Iniziò nuovamente a leccarmi il cazzo con veloci pompate di bocca e continui sputi sulla cappella, durò poco, lei si alzò, si levò velocemente il tanga gettandomelo in faccia e si aprì con le gambe quasi a 180 gradi aggrappandosi con le mani alla spalliera della panca che era saldamente fissata per terra. Il mio membro fu inghiottito voracemente dalla sua passera bagnatissima e iniziò a saltare come un’ossessa facendo un gran movimento di bacino, io ero spettatore gaudente di quello spettacolo, aveva preso un ritmo impressionante e io la schiaffeggiavo sulle cosce e sul culo. Poco dopo ritirò le gambe e si mise quasi accovacciata, centrò nuovamente la mia asta e iniziò a pompare ancora più veloce, passarono pochi minuti e iniziò a gemere sempre più forte, io accompagnavo il suo ritmo forsennato mantenendola per i fianchi dicendole “ti piace eh troia, fammi sentire come godi” lei non si fece pregare e venne tra urla strozzate dalle mie botte di bacino che la sbattevano abbandonata al godimento.
Sfinita dall’orgasmo si alzò dalla panca e torno e farmi una gran spagnola, anche io ero sul limite di venire e lei mi invogliava a sborrare dicendo porcate “dai inondami di sborra le tette, lo sento pulsare sto bel cazzone è pieno di calda sborra, dai bello che ci facciamo un altro giro, vieni bello vieni” e così dicendo gettai caldi e violenti fiotti di sborra che le schizzarono più che altro in faccia, recuperò con le dita ogni goccia che le penzolava dalle labbra e dalle guance e se le gustò con gran fare da maiala.
Si alzò da terra e sorridendomi si avviò verso le docce, prese una sedia di plastica che era vicino la porta del bagno e la mise nella cabina della doccia, finito il tutto mi chiese “non hai caldo?” io che ero un pezzo d’acqua risposi “bè si ma ne è valsa la pena” lei dopo una risata fugace disse con voce sensuale “che ne dici se il prossimo giro non ce lo facciamo più freschi?” e così dicendo mi invitò col dito verso la doccia e sparì all’interno della cabina. Mi alzai e andai dritto alle docce, un’altra visione formidabile mi apparve dinanzi agli occhi, lei seduta sulla sedia a gambe aperte e con una faccia da gran troia, appena mi vide arrivare aprì la doccia alla massima potenza facendo cadere una cascata d’acqua che la bagnò tutta, così era ancora più arrapante, quello sguardo da ingorda di cazzi si nascondeva dietro i capelli bagnati, mi invitò ad entrare “vieni dentro, mettiti in piedi davanti a me” così feci, avevo il mio cazzo moscio e sfinito dalla scopata precedente che penzolava davanti alla sua bocca, lei lo prese in mano e disse “ora ci penso io a rimetterlo in vita” e se lo mise in bocca ciucciando e segando con grande foga, appena lo sentii indurirsi iniziai a muovermi col bacino scopandole la bocca e mantenendola per la testa, lei liberandosi disse “spero che mi fotterai con tanta forza anche il culo” e ghignando si riprese il cazzo in bocca e ricominciò a pompare.
Quando il mio membro fu di nuovo duro, Ilenia si staccò dal cazzo e si mise in piedi di spalle con le mani appoggiate alle piastrelle, io buttai la sedia fuori dalla cabina e mi abbassai all’altezza del culo, allargandole il buco e leccandoci e sputandoci dentro, dopo averlo ben lubrificato, appoggiai la cappella sul foro e con un colpo secco lo feci entrare tutto dentro iniziandola a fotterla con violenza. Le schiaffeggiavo il culo e la insultavo “baldracca rotta in culo, quanto ti piace il cazzo eh? Sei una puttana, ti scopa così tuo marito? Te la fai mettere in culo da quel cornuto?” lei rispondeva affannosamente “si che me lo mette, ma un cazzo non mi basta, ne voglio provare tanti, sto diventando una puttana ah aaaah dai si sfondami rompimi il culo aaaah”.
Dopo dieci minuti di sfondamento continuo mi ero un po’ stancato e proposi di cambiare posizione, lei presa dall’eccitazione più totale disse “si sbattimi dove vuoi, scopami come vuoi, mi stai facendo impazzire” chiusi la doccia e la spintonai con forza fuori dalla cabina e la spinsi per terra al centro dello spogliatoio costringendola a mettersi a pecora, lei non si oppose e tutta bagnata mi porse il suo bel culo, puntai nuovamente la cappella sul foro e inizia a fotterla più forte di prima sovrastandola completamente, pompavo come una furia e lei urlava ininterrottamente. Passarono altri dieci minuti, ero sfinito, lei ormai era completamente stesa sul pavimento gemente a bocca aperta con me che infierivo senza pietà nel suo culo sfondato, fino a che non venni improvvisamente riempiendole il culo di sborra. Ero disteso sulla sua schiena, entrambi eravamo con il fiatone, lei mi cinse con il braccio destro e slinguazzò da gran troia soddisfatta, io continuavo a dare piccole botte stringendole una tettona che era fredda per il lungo contatto con il pavimento. Mi alzai e mi vestii velocemente mentre lei sorridendo entrò nuovamente nella doccia, io mi andai a lavare nello spogliatoio maschile.
Uscito dopo un quarto d’ora dallo spogliatoio vidi quel suo bel culo all’aria mentre era appoggiata sul passamano parlando con un’amica, passai da dietro, la cinsi per i fianchi e dissi “ciao ragazze” e poi guardando Ilenia dissi “ti trovo bene” e sorridendo entrambi mi allontanai verso l’uscita.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 126): 7.29 Commenti (9)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10